31 Ott

Halloween – Zucca e dintorni

zucca illuminataCome ogni anno, a fine Ottobre, fa la sua comparsa “la zucca col ghigno illuminato” di Halloween.

Se ne parla in Tv, viene pubblicizzata in ogni dove con bella mostra di gadgets e accessori, i party a tema si sprecano, ma alzi la mano chi conosce il significato della festa di Halloween….

Halloween e’ una parola di origine anglosassone, chee deriva da una contrazione della frase  “All Hallows Eve”, ovvero la Vigilia di Ognissanti, festeggiata il 31 ottobre.

Questa data nel quinto secolo avanti Cristo coincideva nell’Irlanda celtica con la fine dell’estate. Questa ricorrenza,  chiamata Samhain, era conosciuta come “La Festa dei Morti”, poiche’ si pensava che durante questo periodo i morti potessero far ritorno nella terra dei vivi per celebrare con la propria famiglia la fine di un anno e i progetti per quello a venire. La festa era caratterizzata da due colori: l’arancio per ricordare la mietitura e quindi la fine dell’estate ed il nero a simboleggiare l’imminente buio dell’inverno. E’ ancora costume mettere un posto in piu’ a tavola per la cena, la sera di Samhain, in onore dei defunti.
Quando nell’alto medioevo il cristianesimo si diffuse nelle terre celtiche (Irlanda, Bretagna) e divenne la religione ufficiale della maggior parte dell’Impero Romano, una serie di editti papali istituirono un giorno di festa della chiesa, Ognissanti (o Tutti i Santi) da celebrare il 1 ° novembre di ogni anno. Non si sa se fosse nelle intenzioni della Chiesa sovrapporre questa nuova festa alle celebrazioni pagane di Sahmain, ma di fatto fu così. Poco dopo venne istituita la festa “gemella” di Ognissanti, ovvero il Giorno dei Morti, da celebrarsi il giorno successivo, il 2 novembre. La data è stato posta accanto a quella di Ognissanti per sottolineare il concetto che i santi possono intercedere per conto dei morti.

– Narra poi la leggenda che gli spiriti erranti di coloro che sono morti durante l’anno tornino indietro la notte del 31 ottobre in cerca di un corpo da possedere per l’anno successivo.

I Celti credavano quindi possibile che in questa notte magica il mondo reale e l’aldila’ potessero fondersi insieme. I contadini allora, per non essere posseduti dagli spiriti, rendevano inospitali le loro case spegnendo tutti i fuochi e mascherandosi da mostri per non farsi riconoscere dagli spiriti.

I Romani ripresero inizialmente le pratiche celtiche, abbandonando con l’andare del tempo la paura di essere posseduti dagli spiriti e conservando solo la tradizione del travestimento.

Questi spiriti,  una volta  ritenuti solo selvaggi e potenti, assunsero un connotato diabolico e malvagio. La chiesa affermava che gli dei con tutti gli altri esseri soprannaturali delle religioni antiche fossero di impronta diabolica, e costituivano quindi delle manifestazioni del diavolo che conduceva l’uomo verso l’adorazione di falsi idoli. Così, durante le celebrazioni per Halloween, apparvero rappresentazioni di fantasmi, scheletri, simboli della morte, del diavolo e di altre creature maligne, come le streghe.

halloween

Questa sono io

Le streghe considerano Halloween come una festa religiosa. Non e’ solo la giornata in cui si ricordano i propri cari deceduti, ma è anche la notte in cui si possono praticare  varie forme di arte divinatoria, come leggere il futuro negli specchi e  migliorare la lettura dei tarocchi.

La tradizione di Jack-o-lantern deriva  dal folklore irlandese. Narra la leggenda che un uomo di nome Jack, noto baro e sedicente malfattore, ingannò Satana sfidandolo nella notte di Ognissanti a scalare un albero sulla cui corteccia incise una croce, intrappolandolo cosi’ tra i rami. Jack strinse allora un patto col diavolo: se non lo avesse più indotto in tentazione lo avrebbe fatto scendere dall’albero. Alla morte di Jack gli venne impedito di entrare in paradiso a causa della cattiva condotta avuta in vita, ma gli venne negato anche l’ingresso all’inferno per aver ingannato il diavolo.
Allora Satana gli venne in aiuto facendogli dono di un piccolo tizzone d’inferno per illuminare la  tenebra che lo attorniava. Per far durare la fiamma più a lungo Jack scavò un grosso cavolo rapa e ve la pose all’interno.

Intorno al 1840 gli emigranti irlandesi, in fuga  dalla carestia di patate che aveva colpito la loro patria, esportarono la festa di Halloween negli USA. Originariamente gli irlandesi usavano i cavoli rapa ma quando arrivarono negli USA scoprirono che le rape americane erano piccole, e che le zucche erano più grosse e più facili da scavare. Ecco perchè a tutt’oggi Jack-o-lantern è una zucca.

trick or treatDolcetto o Scherzetto? La tradizione di trick-or-treat pare abbia origine dal “souling”, elemosinanti d’anima, pratica europea del nono secolo d.C. “. Il 2 novembre, i primi Cristiani vagavano di villaggio in villaggio elemosinando per un po’ di “pane d’anima”, un dolce di forma quadrata con l’uva passa. Piu’ dolci ricevevano e piu’ erano le preghiere promesse, recitate per i parenti morti dei donatori. I dolcetti diventavano cosi’ il pass per i defunti che a quell’epoca si riteneva rimanessero nel limbo per un certo lasso di tempo dopo la morte,  rendendo cosi’ loro  il passaggio in paradiso piu’ veloce.
Oggi Halloween ha perso tutti questi significati, rimane un grande evento globale, di aggregazione, ma soprattutto commerciale, essendo seconda solo ai festeggiamenti natalizi….

Per chi avesse voglia di Pasticcio e Pane di Zucca segnalo la Festa della  Zucca il 03/11/2013 dalle 09.00 alle 18.00 a Campodarsego (PD), Piazza Europa info su Campodarsego e mappa interattiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *