30 Mag

[Degustazioni] Festa de la Saresa – ciliegia superstar a Ceresara (MN)

Si sa, quando si parla di ciliegie una tira l’altra….. image
E allora perché non fare un salto a Ceresara, nella provincia mantovana, dove le sere dal 31 Maggio al 2 Giugno potrete cenare all’aperto lungo Via Roma, all’ombra della Torre gonzaghesca, imagesimbolo del paese, per degustare il Tortello della Possenta di Ceresara alla ciliegia (De.Co.) e altre specialità a base di questo frutto delizioso, come la pizza alle ciliegie e salame ceresarese image e la torta cioccolato e ciliegie “Dolceresa” (De.Co., ovvero Denominazione Comunale).

Le ipotesi sull’origine del nome del Comune di Ceresara sono varie, ma quella oggi maggiormente accreditata lo associa alla ciliegia. Il nome è infatti molto simile al termine latino cerasum. Nella zona un tempo il ciliegio era particolarmente diffuso, probabilmente per il particolare microclima del territorio che risente ancora in parte di quello della zona gardesana. Lo stemma comunale stesso presenta un albero con frutti rossi con un cane rampante, e sullo sfondo la terra.
Questa particolare predisposizione del territorio alla pianta del ciliegio, negli ultimi decenni ha suggerito ad alcune aziende della zona di intraprendere la coltivazione della “Ciliegia di Ceresara”.

La prova certa sulla confezione a Ceresara di una pasta ripiena avente come ingrediente principale la ciliegia non esiste, ma vista la presenza significativa del frutto sul territorio esiste la convinzione generale che tale ricetta non sia estranea alla gastronomia locale, in quanto in passato era uso comune associare il gusto dolce a gusti più decisi, un forte esempio ne è la cucina rinascimentale della Corte dei Gonzaga.
L’Amministrazione Comunale ha incoraggiato la riscoperta di questo piatto e così, dopo una fase sperimentale e di valutazione delle ricette, si è giunti nel 2009 in collaborazione con l’Accademia Gonzaghesca degli Scalchi alla formulazione della ricetta del “Tortello della Possenta di Ceresara”, con ripieno di ciliegia e l’anno successivo alla sua De.Co.

Ricetta del Tortello della Possenta di Ceresara

Ingredienti:
-Sfoglia
350 gr di farina 00
150 gr di semola di grano duro
3 uova
2-3 cucchiai di rape rosse frullate
1 cucchiaio di olio d’oliva
sale
-Ripieno
250 gr di ciliegie
250 gr di ricotta
200 ml di vino rosso
50 gr di mostarda di frutta o verdura
6 cucchiai di formaggio grana grattugiato
2 cucchiai di zucchero
pane grattugiato (circa 50 gr)
sale e pepe
cannella
noce moscata
burro
-Per condire
grana grattugiato
burro fuso
salvia

Preparazione della sfoglia:
In una ciotola sbattete leggermente le uova ed amalgamatele con le rape rosse frullate, l’olio d’oliva ed il sale.
Mescolate la farina e la semola e, versando poco per volta il composto a base di uova e rape, impastate il tutto. Lavorate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, quindi lasciatelo riposare per una decina di minuti avvolto da pellicola trasparente.

Preparate il ripieno: in una padella con poco burro fate rosolare a fiamma vivace le ciliegie denocciolate insieme a 2 cucchiai di zucchero ed un pizzico di cannella, aggiungete il vino rosso e fate cuocere finché quest’ultimo non sarà quasi completamente evaporato. Spegnete e lasciate raffreddare.
Frullate leggermente le ciliegie e, in un recipiente, amalgamatele con la ricotta, il formaggio grana grattugiato, il pan grattato, la mostarda tritata finemente, il sale, il pepe ed un pizzico di noce moscata.

Tirate quindi la sfoglia molto sottile, formate con essa dei dischetti aiutandovi con un bicchiere o con un coppapasta, adagiate al centro di ognuno di essi 1/2 cucchiaino di ripieno e piegateli a mezzaluna, premendo bene sul bordo per chiuderli.

Cuocete i tortelli di ciliegie in acqua bollente salata per circa 5 minuti, scolateli e serviteli con grana padano grattugiato e burro fuso aromatizzato alla salvia.
image

Per Informazioni sull’evento: www.compagniadelletorri.it www.comune.ceresara.mn.it
#cherries #ciliegie

21 Nov

#bchef2013 – Sfida all’ultimo mestolo

Stasera  terza puntata del Borsari è Servito. Flan di mele vs. Risotto all’Amarone con scaglie di Monte Veronese ubriaco sono i piatti di battaglia che porteranno i duellanti alla gara.

Il  vino che potrete degustare all’evento e’ “Ripassa” di Zenato Winery  lungo, morbido e vellutato, con profumi intensi di piccoli frutti rossi.

Votateci e dite la Vostra su #bchef2013

I due concorrenti.......

I due concorrenti…….

17 Nov

FLAN DI MELE + CONTORNO DI MELE UBRIACHE

flan di mele
Sono particolarmente frizzante e agitata….Mancano 4 gg alla terza puntata della gara di cucina #bchef2013,  che si terra’ giovedi’ 21 Novembre presso il Ristorante Borsari 36 a Verona.

Mi vedrete spadellare insieme ad un altro concorrente proprio con questa ricetta…

Seguiteci ed alzate la paletta anche voi !!!! Per conoscere il responso e sbirciare le altre ricette “Stay Tuned”.
Ingredienti per il flan:

2 mele
2 uova
125 gr di zucchero semolato
130 gr di farina 00
90 gr di burro
60 ml di latte intero
1 bustina di lievito vanigliato
1 spolverata di cannella
mandorle in scaglie q.b.
burro e pangrattato q.b.
zucchero a velo q.b.

Ingredienti per il contorno :

50 gr di burro
3 cucchiai di zucchero di canna
3 chiodi di garofano
1/2 stecca di vaniglia
1/2 bicchiere di brandy
1 manciata di uvetta
2 mele

Esecuzione del flan:

Unite lo zucchero insieme alle 2 uova e mescolate fino ad ottenere un composto spumoso, aggiungete il burro sciolto precedentemente, il latte a temperatura ambiente, la farina e il lievito setacciati, le mele sbucciate e tagliate a dadini e completate il composto con una spolverata di cannella.
Imburrate le cocottes (piu’ o meno 8 a seconda delle dimensioni) e poi ricoprite col pangrattato.
Fate uno strato con le mandorle a scaglie. Versate il composto fino a coprire le cocottes per 3/4. Posizionate le cocottes sulla teglia a meta’ altezza nel forno pre-riscaldato a 170 gradi per 30 minuti.

Esecuzione del contorno:

Nel frattempo fate sciogliere il burro in una larga padella, aggiungete lo zucchero di canna, i chiodi di garofano, la vaniglia precedentemente estratta dal bacello, il 1/2 bacello, far insaporire per qualche secondo.
Aggiungete poi il brandy, l’uvetta e dopo un paio di minuti le mele tagliate a fettine sottili.
Cuocete fino al quasi completo assorbimento della salsa ma stando attenti a non stracuocere le mele.
A fine cottura togliete i chiodi di garofano ed il bacello di vaniglia.

Create nel piatto un letto con il contorno di mele, adagiatevi poi sopra il flan, e cospargete con zucchero a velo.

Volendo potreste accompagnare il flan con del gelato al cardamomo, o con la versione piu’ classica alla vaniglia.

Enjoy !!!

30 Ott

Ragu’ di Zucca e Speck

Sulla scia di Halloween ecco una ricetta veloce e sfiziosa per accompagnare un bel piatto di  pasta.

Ingredienti per 4 persone:
320 g di pasta ( formato a Vs. piacimento)
400 g di zucca
80 g di speck in una sola fetta

1 scalogno, 4 cucchiai di olio d’oliva, sale e pepe q.b.

Preparazione:
Tritate lo scalogno, tagliate lo speck a julienne e la zucca a dadini.
In una padella fate appassire lo scalogno nell’olio, aggiungete la zucca e fate rosolare per 2-3 minuti mescolando con cura.
Aggiungete sale e pepe e bagnate con un po’ d’acqua calda, lasciate cuocere per circa 10 minuti finche’ la zucca non diventa tenera.
Unite lo speck e continuate la cottura ancora per 1 minuto.
Lessate la pasta e dopo averla scolata passatela in padella con il ragù di zucca e speck.
Cospargetela con del parmigiano e accompagnate con un bicchiere di Valpolicella Classico.Pasta con la zucca